Francescani, poveri ma per truffa

Fine ingloriosa per Francesco d’Assisi, il santo della povertà a cui papa Bergoglio ha detto di essersi ispirato quando nella Cappella sistina, appena eletto papa, ha scelto il proprio nome da pontefice. I suoi discepoli, i minori, l’ordine da lui fondato otto secoli fa, sono alle prese con un buco di bilancio di svariati milioni di euro, causato da «dubbie operazioni finanziarie», condotte anche da alcuni frati. E quello dei francescani è solo l’ultimo e l’ennesimo scandalo economico-finanziario che, in tempi recenti, ha coinvolto enti ecclesiastici e congregazioni religiose. Evidentemente nella chiesa il bimillenario conflitto fra dio e mammona è sempre attuale.


Le rivelazione del dissesto economico dei francescani arriva direttamente dal ministro generale dell’ordine dei frati minori – il terzo istituto religioso maschile della chiesa cattolica per numero di aderenti, dopo gesuiti e salesiani –, lo statunitense fr. Michael Anthony Perry, in una lettera indirizzata agli oltre 14mila frati sparsi nel mondo. La situazione è «grave, sottolineo grave», rimarca Perry. Un aggettivo volutamente ribadito che lascia intendere – dalla curia generale dell’ordine non si fanno cifre – che il buco di bilancio ammonta a decine di milioni di euro, forse anche di più. Non a causa della crisi, ma per operazioni finanziarie spericolate «condotte da frati cui era stata affidata la cura del patrimonio dell’ordine», in concorso anche con persone esterne ai francescani, già denunciate alla magistratura.


L’indagine interna, avviata nello scorso settembre e tutt'ora in corso, ha evidenziato una serie di attività finanziarie, definite eufemisticamente «dubbie», realizzate dall’economato generale dei francescani. L’economo generale, p. Giancarlo Lati (prima di scegliere il saio lavorava al Monte dei Paschi di Siena), si è dimesso ed è stato subito sostituito dal suo vice, p. Silvio De La Fuente, affiancato da un secondo frate esperto in questioni economiche e amministrative, p. Pasquale Del Pezzo.


«La curia generale si trova in una situazione di grave difficoltà finanziaria, con un cospicuo ammontare di debiti», si legge nella lettera del ministro generale. Dall’indagine interna «è emerso che i sistemi di vigilanza e di controllo finanziario della gestione del patrimonio dell’ordine erano o troppo deboli oppure compromessi, con l’inevitabile conseguenza della loro mancanza di efficacia rispetto alla salvaguardia di una gestione responsabile e trasparente». Dai primi riscontri pare che si siano verificate molteplici «dubbie operazioni finanziarie», «senza la piena conoscenza e il consenso né del precedente né dell’attuale definitorio generale», l’organo di governo centrale dell’ordine. Operazioni che «hanno messo in grave pericolo la stabilità finanziaria della curia generale» e che «vedono coinvolte persone che non sono francescane ma che sembra abbiano avuto un ruolo centrale nella vicenda». Si avvalora quindi l’ipotesi di una sorta di “concorso esterno” – che potrebbe anche nascondere una truffa –, ma le principali responsabilità sembrano essere tutte interne all'ordine.


Uno dei filoni dell’indagine ruoterebbe attorno all’hotel “Il Cantico” – nome francescano doc, plasmato sul Cantico di frate Sole di Francesco d’Assisi –, albergo e ristorante di lusso di proprietà dei religiosi, a due passi da s. Pietro, alla cui guida c’era l’ex economo, p. Lati, «un paradiso di eleganza, calore e benessere», si legge nel sito internet della struttura. Ma la vicenda potrebbe varcare anche i confini nazionali: secondo Panorama la magistratura svizzera avrebbe sequestrato alcuni depositi dell'ordine per decine di milioni di euro perché sospetta che sarebbero stati investiti in società finite sotto inchiesta per traffici illeciti.


In attesa di eventuali sviluppi penali, l’indagine interna, scrive Perry, dovrà quantificare la reale consistenza dell’ammanco, rafforzare i sistemi di controllo e vigilanza interni e passare al setaccio tutte «le attività dell’ufficio dell’Economato generale dal 2003 ad oggi, prestando particolare attenzione a qualunque operazione potesse suscitare sospetto o preoccupazione». Da valutare la posizione del precedente ministro generale dei frati minori (dal 2003 al 2013), mons. José Rodríguez Carballo, da poco più di un anno nominato da papa Francesco segretario della congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica. Lo stesso Carballo, nello scorso agosto, firmò – insieme al prefetto della congregazione, card. Braz de Aviz –, le “Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica”: un vademecum per la gestione corretta e trasparente dei beni e dei patrimoni degli ordini e delle congregazioni religiose.


I frati minori non rischiano il fallimento, ma il pesante dissesto economico potrebbe metterli in seria difficoltà. Tanto che Perry chiede a tutti i conventi di inviare alla curia generale «un contributo finanziario per aiutarci a far fronte all'attuale situazione, che implica anche il pagamento di cospicue somme di interessi passivi». Chissà che questa vicenda non obblighi l’ordine a recuperare la povertà praticata e auspicata da Francesco d’Assisi che fin dall'inizio – nonostante le agiografie edulcorate – fu guardata con sospetto dai papi e contestata dagli stessi francescani, che proprio sulla questione della povertà si divisero già all'indomani della morte del loro fondatore.


Luka Cocci


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Ettore Chiacchio (sabato, 16 maggio 2015 16:24)

    L'ultima tentazione di Francesco

    Francescani, che sotto il falso nome di francesco
    coprite i crimini di giovanni di pietro bernardone[1]
    dipinto bello, bravo e buono in ogni vostro affresco[2]

    agiografia rimaneggiata[3] per sfruttar la situazione!
    Siete una cosca-setta tra le peggiori della Storia
    foriera di tortura, roghi e famigerata inquisizione[4]

    di cui foste uno dei bracci in vostra vanagloria[5]!
    Francescani, che pazzi visionari spacciate per mistici[6]
    trasformando la finta umiltà in ostentata b'ori'a[7]

    imponendo l'altrui povertà eludete i problemi ostici[8]
    mentre seppellite i vostri testimonials in bare d'oro[9]
    trasformando in abusive cattedrali i finti rustici[10]

    ornati di deturpanti ricchezze mentre fingono il decoro
    che avete defraudato travestendovi da frati poverelli
    che avete depredato ai catari già spogli del tesoro...

    Francescani, fautori del nazismo con molti confratelli
    che dentro al sacco saio nascosero d'ustascia la divisa[11]
    sfuggendo a Norimberga come vostri riciclati fraticelli[12]

    grondando sangue dalle mani della gente morta uccisa[13]
    mentendo con il "pace e bene"[14] delle vostre bocche
    lordando lapidi su cui vostra effige pia viene incisa[15]

    ancora oggi sfruttate genti allevate tocche e sciocche
    con la tacita alleanza offertavi dal papa gesuita[16]
    che sversa ancora propaganda nelle loro vuote brocche

    per fare di nuovi millenni coacervi di criminalità
    per rendere ogni uomo una pecora da monta ammansita
    per lucrare ancora prostituendo Sorella Madonna Povertà[17]!

    ______
    le note al link