Il sant’Uffizio scomunica Martha Heizer, fondatrice di Noi siamo chiesa

Durissimo provvedimento della santa sede contro i gruppi cattolici di base. La congregazione per la dottrina della fede ha scomunicato – quindi escluso dai sacramenti ed espulso dalla chiesa cattolica –  Martha Heizer, cofondatrice e presidente di We are church (Noi siamo Chiesa), il principale movimento cattolico internazionale progressista, presente in oltre 20 nazioni e impegnato per una riforma della chiesa in direzione di una maggiore collegialità, pluralismo e povertà. Da tre anni Martha Heizer e suo marito Ehemann Gert (scomunicato anche lui), per sollevare pubblicamente la questione dell’ordinazione presbiterale delle donne, celebrano l’eucaristia nella loro casa ad Absam (vicino Innsbruck, in Austria) insieme ad altre persone della comunità e senza preti. Una prassi peraltro comune nelle comunità cristiane di base, moltissime delle quali anche in Italia. La congregazione per la dottrina della fede (l’ex sant’Uffizio) – guidata dal card. tedesco Müller, nominato da Ratzinger e annoverato fra i conservatori – ha avviato un’indagine che mercoledì sera si è conclusa con la consegna, da parte del vescovo di Innsbruck, mons. Manfred Scheuer, del decreto di scomunica proprio per aver infranto le regole canoniche sul sacramento dell’eucaristia. La coppia però lo ha respinto e non ha nemmeno voluto ritirarlo. «Siamo stati trattati come i preti che hanno compiuto delitti gravissimi, come gli abusi sessuali sui minori, anzi peggio perché non conosciamo un solo caso di un prete pedofilo che è stato scomunicato», dichiarano Heizer e suo marito. «Abbiamo rifiutato di ritirare il decreto, non lo accettiamo perché sappiamo di non aver commesso abusi tali da essere scomunicati. Anzi continueremo a impegnarci con maggior forza per la riforma della chiesa cattolica: proprio queste modalità mostrano con quanta urgenza la chiesa debba essere rinnovata». «Con le loro azioni, Heizer e suo marito hanno creato una situazione per cui era necessario prendere provvedimenti», lo scarno commento di mons. Scheuer, «in un certo senso si sono auto scomunicati». Per Vittorio Bellavite, portavoce della sezione italiana di Noi siamo chiesa, l’intervento è un attacco dell’ala conservatrice delle gerarchie al nuovo clima ecclesiale:


Ciò premesso, ritengo che  il Card. Muller (prefetto dell’ex-S.Ufficio), che ben sa che Martha Heizer è la Presidente dell’International Movement We Are church e, da poche settimane, anche della sezione austriaca  Wir Sind kirche, abbia “usato” di questa vicenda per un attacco, indiretto ma molto duro, al nuovo corso di papa Francesco  e alle riforme indispensabili che egli cerca di proporre. Non è possibile nessuna altra interpretazione davanti a  un intervento nei confronti della Presidente del principale movimento  che da anni si impegna per la riforma della chiesa cattolica nella linea del Concilio e che, ora, ha accolto con convinzione il messaggio del nuovo vescovo di Roma. La questione, di cui era imputata Martha, era ferma da tre anni e sembrava abbandonata. Non a caso viene risollevata ora che nella chiesa lo scontro si sta facendo vivace.


«L’indagine è in corso da tre anni ma il provvedimento arriva ora. Forse c’è il tentativo di frenare le aperture di Bergoglio». Noi siamo chiesa è nata in Austria nel 1996 attorno ad un “Appello al Popolo di dio” che raccolse 2 milioni e 500mila firme in tutta Europa (oltre 35mila in Italia) e che chiedeva riforme radicali nella chiesa cattolica: maggiore democrazia, abolizione dell’obbligo del celibato ecclesiastico, fine delle discriminazioni contro gli omosessuali, accesso ai sacramenti per i divorziati risposati. La scomunica alla presidente è un duro colpo al dialogo con il mondo cattolico di base, che sembrava essersi riaperto con papa Francesco, il quale però era sicuramente informato del provvedimento.



Luka Cocci

Condividi

Scrivi commento

Commenti: 0