'La Madre': Stefano Dionisi tra ateismo e carnalità

Angelo Maresca l’ha fortemente voluto nel suo film definendolo il migliore attore italiano degli ultimi 20 anni e Stefano Dionisi si è dichiarato entusiasta di poter partecipare all’ultimo film del regista, intitolato ‘La Madre’.

 

Ai nostri microfoni Stefano conferma infatti quanto sia stato contento di far parte del cast, descrivendo anche quanto sia stato difficile calarsi nel ruolo tormentato di Paolo, prete che cede alla passione per una donna.

 

“Ho problemi a impersonare personaggi con la divisa. – esordisce Dionisi – Proprio perché non mi sentivo pronto per questo personaggio, ho provato ad andare qualche volta in Chiesa, ma lo sconcerto e il mio ateismo hanno preso il sopravvento. Diciamo che per me il riassunto del cattolicesimo sta nel momento in cui ci si scambia un segno di pace e ho portato questo nel mio personaggio”.

 

“Per quanto riguarda il resto – continua l’attore – non si affronta mai in realtà un problema spirituale. Vogliamo raccontare solo la storia carnale, forse amorosa, con questa donna”.

 

Grazia Cicciotti

 

Scrivi commento

Commenti: 0