Pretofilia: don Ruggeri torna a casa

Il gup di Pesaro Maurizio Di Palma ha accolto l'istanza dell'avv. Gianluca Sposito per la modifica della misura cautelare attualmente applicata a don Giangiacomo Ruggeri, l'ex portavoce del vescovo di Fano indagato per aver compiuto atti sessuali su una sua parrocchiana di 13 anni, stabilendo il solo divieto di dimora a Orciano e di avvicinamento alla persona offesa.

Il sacerdote, che aveva l'obbligo di dimora a Perugia, dove lavorava nella Biblioteca della diocesi, può quindi tornare a casa.

 

Condividi


Scrivi commento

Commenti: 0