Grillo contro il Meeting di Rimini:"Ingerenza ecclesiale nella politica"

Il leader del Movimento 5 Stelle sul blog scrive un post intitolato "Comunione e disperazione": "La città chiede aiuto, è una piazza martire".

Il ministro Mauro: "Si altera il senso della realtà".

Lupi: "Stupidate sparate da una beauty farm".

 

RIMINI - "Cos'è Comunione e Liberazione e cosa rappresenta per la politica italiana?

Perchè ogni anno ministri e presidenti del Consiglio sentono la necessità di chiederne la benedizione andando in pellegrinaggio a Rimini come una volta i re con i papi?".

Così Beppe Grillo in un post pubblicato sul suo blog, dal titolo "Comunione e Disperazione. Rimini chiede aiuto".

"Un contenitore che ha accolto Andreotti, benedetto - annota - sia il suo nome, come una rockstar.

Un movimento che ha protetto e riverito Forminchioni per decenni e che ora prende nel suo capace grembo gli ectoplasmi Letta e Lupi, due democristri dell'inciucio, oggi ribattezzato larga intesa, come chiamare escort una prostituta".

 

"Comunione e Fatturazione - sostiene Grillo - è un'ingerenza ecclesiale nella politica.

Chi la protegge fa carriera, diventa un intoccabile, e CL ricambia sempre con affetto peloso.

Rimini è una città martire. Invasa ogni anno dalle truppe cammellate di democristiani vecchi e nuovi. I suoi abitanti ci lanciano un grido di dolore. Liberiamola e liberiamo l'Italia".

Le reazioni. Il ministro della Difesa Mario Mauro replica a Grillo: "Il metodo del Meeting - ha detto Mauro, storico esponente del movimento fondato da Don Giussani - non è la sponda di un uomo politico o di un partito, è un metodo che rende possibile a chi partecipa di misurare la verità delle cose.

In un contesto mediatico continuamente alterato dalla volontà di piegare la comunicazione e l'informazione ad un progetto di potere, la possibilità di andare a vedere come effettivamente stanno le cose - ha continuato il ministro della Difesa - esorbita dalla propaganda, dalla mistificazione e dal tentativo di qualcuno di alterare il senso della realtà".

Lupi: "Parole di Grillo?Stupidate".

"Alle stupidate di Grillo sparate dal lettino di una comoda beauty farm, dopo essersi rilassato al sole della Sardegna, preferisco non rispondere": cosí il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi commenta l'attacco a Cl di Beppe Grillo.

Scrivi commento

Commenti: 0