Banca islamica

Nel corso degli anni '70, un nuovo soggetto entra nel mondo della finanza internazionale: banche islamiche ispirate ai precetti religiosi e in particolare al  divieto del corano di praticare l’usuraDopo diversi anni di studio e di ricerca per definire i concetti di base dei sistemi e delle applicazioni in relazione alla economia moderna, la prima Banca Islamica di Sviluppo (BID) è nata nel 1975 a Jeddah e vede la partecipazione di tutti paesi membri dell'Organizzazione della Conferenza islamicaI maggiori azionisti sono i principali paesi produttori di petrolio: l’Arabia Saudita con il 25%, la Libia con il 16%, gli Emirati Arabi Uniti con il 15%, il Kuwait con il 13%L'intento principale del BID, e in generale delle altre banche islamiche, è quello di promuovere lo sviluppo economico e il progresso sociale dei paesi membri e delle comunità musulmane in conformità con i principi della legge islamica.

Lo scopo del BID è propriamente quello "di favorire la cooperazione con le banche islamiche, fornendo capitale per la creazione di nuove istituzioni islamiche per il finanziamento congiunto di progetti, soprattutto nelle aree del Terzo MondoOltre alla banca intergovernativa islamica, ci sono altri due tipi di banche islamiche, che, naturalmente, non pagano ne richiedono interessi: banche di deposito che operano in concorrenza con banche convenzionali (per la maggior parte del sistema bancario occidentale) per i musulmani che effettuano depositile casse di risparmio islamiche che operano in aree geografiche e settori economici trascurati dalle banche tradizionali (rurali, piccole agenzie industriali, artigianali, commerciali e agricole, ecc). Prima di esaminare i meccanismi operativi e gli strumenti delle banche islamiche, fermiamoci un attimo e prendiamo in considerazione alcuni dei principali obiettivi delle istituzioni morali ed economici in relazione con la condotta e gli insegnamenti religiosi. "Il settore bancario islamico Muhammad Siddiq iscritto, come alternativa al sistema bancario basato sull'interesse, si basa su due perni principali espressi nella legge canonica: il divieto di usura o di interesse e di sostituzione con una forma di partecipazione agli utili in modi consentiti e auspicabilità. In breve, con l'istituzione della banca islamica si intende combattere la più dannosa conseguenza dell'azione delle banche tradizionali, che praticando interessi, hanno creato un'economia oppressa dai debiti  sia degli imprenditori che dei consumatori e anche dei governi che si trovano fortemente indebitati con il sistema finanziarioInoltre, la banca islamica dovrebbe aiutare i poveri principalmente in materia di accesso al credito, dal momento che il denaro non può circolare solo tra i ricchiC'è qualcuno che - come Sami-Hammud sostiene con forza la diffusione del sistema bancario islamico per promuovere la crescita della classe media nella società e ridurre gradualmente la consistenza della classe operaia perché  "più la classe media può dominare la società più si avvicina al benessereLa natura stessa del sistema materialista, che domina le società capitaliste, spinge i lavoratori a far propri i principi distruttivi della società. Se il mondo adotta il sistema islamico di far circolare il capitale e unisce lo sforzo umano in una partita leale si può  realizzare il principio della partecipazione come base per la pace, all'interno del sistema islamico si può trovare l’antidoto all'auto-distruzione.

 

Funzionare come le banche islamiche

 

Le Banche islamiche sono tenute ad applicare il principio del Corano e le norme della Sharia che vietano l'usura e non consentono la pratica dell’interesse. Il meccanismo, secondo il signor Siddiqè relativamente semplice: "Invece della promessa di un rendimento fisso in forma di interesse, l'investitore riceverà un profitto proporzionale relativo ai depositi effettuati a seguito di investimenti realizzati da parte della banca.   Come garanzia per ogni persona che fa un deposito, la banca dovrebbe diversificare gli investimenti e valutare attentamente quali progetti finanziare. I contraenti che chiedono un credito garantiranno alla banca una parte dei profitti ottenuti. In assenza di utili, la banca riprenderà  l'importo della somma prestataIn caso di perdita, sarà considerato una erosione del capitale investito e la banca avrà di nuovo ciò che resta del capitale, al punto che la banca stessa cessa di essere un creditore e diventa una sorta di azionista".  Il sistema delle banche islamiche dovrà modificare profondamente la relazione business-finanza, dal momento che la banca collegata all'azienda, avrà cura di realizzare il progetto finanziario migliore possibile, pur condividendo i rischi, i profitti e le perditeQuali sono gli strumenti che possono consentire alle banche islamiche di operare in collaborazione sia con il depositante che con gli imprenditori che ricevono finanziamentiIn genere, si utilizzano due tipi di contratti di forte tradizione antica, già esistente all'epoca pre-islamica: la musharaka e la mudaraba, che il dottor Wohlers-Scharf interpreta come segue, nella sua opera "Le banche arabe e islamiche"Il contratto Musharaka è formalmente una società in accomandita semplice, secondo la quale la banca e il cliente (depositanti n.d.a.) forniscono i capitali per un progetto specifico, o meglio la banca partecipa a una società esistente attraverso un contributo in conto capitaleLa distribuzione degli utili tra la banca e il cliente diventa l'oggetto di un contratto tra le due partiLe perdite sono in comune per la  quantità di capitale conferitoLa banca può riservarsi il diritto di partecipare alla gestione, ma può anche rinunciare. Al contrario, il contratto mudaraba è formalmente una società a partecipazione che comporta una netta distinzione tra coloro che forniscono il capitale e l’imprenditore responsabile del progetto. Anche in questo caso, la remunerazione si basa su una percentuale dei profitti determinati in precedenza, mentre le perdite sono esclusivamente a carico del titolare del capitale. In questo caso, l’imprenditore rinuncia alla remunerazione del suo lavoroAl di fuori del mondo musulmano le banche islamiche possono eliminare capitale da istituti bancari tradizionali e ricevere interesse, tuttavia, con l'obbligo di istituire un fondo speciale per investire in qualsiasi scopo sociale in terra d'IslamLa finanza "islamica" comincia a farsi sentire nei diversi stati occidentali, molto pochi sono coloro che hanno rifiutato di accettare nel loro territorio le banche islamiche, tra cui il Libano e la Francia. Altri, come la Svizzera, al contrario, "ha colto l'occasione al voloL'Unione di Banche Svizzere ha creato un settore islamico con sede a Zurigo, per attirare più clienti arabi. A Ginevra ha anche la sede del Dar al-Mal al-islamiche (Dmi), la numero uno delle società islamiche di investimento, fondata nel 1981, su iniziativa del principe Saud al-Faisal, con 19 filiali in tutto il mondo e con un capitale più o meno di un miliardo di dollari, di cui l'Arabia Saudita detiene il 70%. L’attività delle banche islamiche sono supervisionate da un Comitato religioso, costituito da specialisti ed esperti di legge islamica, che ha il compito di verificarla conformità di ogni operazione alle regole religiose e, eventualmente, autorizzare il funzionamento con un certificato attestante la conformità alla Shariah Le banche islamiche sono una rete abbastanza grande, anche se l'importo dei  capitali apportati non è tale da rappresentare una seria minaccia per le grandi banche internazionaliLa grande massa di petrodollari (si tratta di diverse centinaia di miliardi di euro) continuano a preferire i canali tradizionali della zona Ocse banche. Il sistema bancario islamico deve ancora superare molte difficoltàIn primo luogo, ciò che è stato progettato per una società islamica è di essere costrette a operare in concorrenza con potenti istituzioni finanziarie occidentali, anche abbastanza presenti nel mercato arabo-musulmanoIl futuro del sistema bancario islamico rimane, quindi, incertoMolto dipenderà dal grado di competitività che si svilupperà nella concorrenza e l'evolversi degli eventi nel mondo musulmano"L'analisi dei risultati mostra che le banche islamiche affrontano difficoltà nell'ottenere  interessi attivi almeno pari agli interessi medi delle bancheLa difficoltà maggiore sembra venire da un aumento dei costi di gestione relativi ai rischiabbastanza alti che comporta il sistema di prestito islamico ".

 

(*Traduzione in corso dall'italiano, dal capitolo V del libro di Agostino Spataro « Il fondamentalismo islamico- Dalle origini a Bin Laden » - Editori Riuniti, Roma, 2001)


 

Scrivi commento

Commenti: 0