Nessun religioso può essere un Libero Pensatore.

Molte persone, pur seguendo una determinata religione, dichiarano di essere dei Liberi Pensatori, ma ciò è impossibile ed è anche un insulto a chi ha dato la propria vita per diffondere la libertà di pensiero.

Ecco come Wikipedia descrive la figura del Libero Pensatore:

"Egli ritiene infatti che la conoscenza non deve essere determinata dall'autorità, dalla tradizione o, in generale, da qualsiasi altra visione dogmatica ma essere una libera ricerca; la libertà di ricerca si coniuga con la libertà interpretativa rispetto a canoni precedentemente fissati; si deve rivendicare la possibilità di esprimersi liberamente e di manifestare la propria opinione senza essere impedito o censurato da qualche autorità. [...]

Il libero pensatore ritiene che gli individui non debbano accettare acriticamente come vere delle idee proposte, ma debbano passare al vaglio della conoscenza e della ragione."

Ora, risulta palese che questa presa di posizione è in netta opposizione nei confronti delle principali religioni, in quanto esse si basano sia sull'autorià che sui dogmi, senza contare che la stessa concezione di "fede" consiste nell'accettare acriticamente come vera una risposta.
Per cui nessun religioso può considerarsi un Libero Pensatore, al massimo potrebbe farlo un deista (in quanto non segue nessun dogma o autorità superiore), mentre nessun cristiano o musulmano può affermare di essere un Libero Pensatore, il dogma è la nemesi del pensiero libero e critico.

«Le verità della religione non sono mai capite così bene come da quelli che hanno perso la capacita di ragionare.»
(Voltaire)

 


Francesco Avella

Scrittore e blogger UAER

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    DANILO (venerdì, 12 aprile 2013 16:44)

    la religione nasce quando un furbo incontra un idionta

  • #2

    Luciano (domenica, 14 aprile 2013 07:50)

    Kierkegaard?

  • #3

    mago prof. Silva (venerdì, 29 agosto 2014 09:07)

    Carissimo Danilo, sono un mago in pensione, sicuramente ti interesera' la mia settantennale esperienza, Durante lo spettacolo , il mago adocchia sempre il debole, il psicolabile, l'influenzabile , il suggestionabile, il credente , il religioso in questo modo si riesce a divertire il pubblico, cosi fanno anche i professionisti religiosi adocchiano sempre il fesso. MAGO PROF. SILVA